Grosseto: Seconde case certificate

<>  </>

Dall’assessorato al Turismo la proposta di creare un circuito di seconde case certificate a tutela dei proprietari e dei vacanzieri. Infatti, l’istituzione propone affitti stagionali certificati, per un’offerta turistica di qualità.
L’idea, promossa dall’assessorato comunale al Turismo, è quella di realizzare un circuito di appartamenti, in genere seconde case, che se destinati al mercato degli affitti estivi, possano usufruire di contratti di tipo ‘turistico’, quindi con condizioni di canone diverse rispetto ai contratti di affitto classico.
Un’idea da sottoporre a tutti i soggetti che lavorano in questo settore, pubblici e privati, imprenditori e istituzioni, e che nasce sulla base di esperienze positive e collaudate in altre zone della Toscana, come a Pisa. Qui la Provincia e all’Apt insieme alle associazioni degli Agenti immobiliari hanno elaborato un regolamento ad hoc per valorizzare al meglio un patrimonio del territorio, qual è quello appunto delle seconde case, creando allo stesso tempo una nuova opportunità di crescita competitiva per il settore turistico e ed economico in generale.
“Si tratta di dare vita ad un vero circuito di abitazioni che possano essere proposte al villeggiante con la garanzia di tutta una serie di requisiti, come servizi (tv, aria condizionata), stoviglie e arredi in buone condizioni – dice l’assessore al Turismo Marco Barzanti -; saranno gli stessi requisiti a fare la differenza e a permettere ad esempio di classificare le abitazioni distinguendone anche il valore sul mercato. Questo inoltre permetterà al turista non solo di scegliere tra varie tipologie sulla base delle proprie disponibilità, ma anche di essere tutelato nel caso i requisiti pubblicizzati non dovessero corrispondere a verità”.
“Questo progetto servirà poi a tutelare gli stessi proprietari della abitazioni, che potranno contare su un mercato più disciplinato che riesca effettivamente a differenziare le offerte –  aggiunge Barzanti -; si tratta di un’operazione di trasparenza e chiarezza, che siamo certi potrà contribuire ad elevare gli standard qualitativi dell’accoglienza e più in generale di tutta l’offerta turistica locale”.


 

 

 

 

 

 

 

 

Grosseto: Seconde case certificateultima modifica: 2009-02-16T11:30:25+00:00da minobezzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento